domenica 9 novembre 2014

Riconoscimento della Lingua dei Segni Italiana (Lis). Intervista con Ida Collu

L'intervista a cura di Diana Vantini su "Lis Sì? Lis No?" e la storia sull'andamento legislativo del riconoscimento Lis di Ida Collu (il videoracconto in due parti)
"LIS Sì? LIS No?". Intervista a Ida Collu, a cura di Diana Vantini.
Diana Vantini: Ringrazio Ida Collu per la disponibilità a far l'intervista faccio subito 3 domande:


1^ DOMANDA
Da presidente naz.le avevi presentato analoga proposta /disegno di legge per LIS poi nel 2011 sei stata “buttata fuori” e sono state buttate anche le tue proposte di legge; ora il nuovo presidente ne ripresenta un’altra, perché?

Grazie,  sono tre domande molto importanti.
Allora sotto la mia presidenza avevamo iniziato a elaborare una proposta di legge per il riconoscimento della LIS insieme al CNR e ad altre associazioni anche piccole sia segnanti che oraliste, era il 2009 ed eravamo riusciti a trovare una condivisione sui contenuti con molta fatica (anche con diversi deputati/senatori) tant’è che finalmente il 16 MARZO 2011 il SENATO aveva APPROVATO ALL’UNANIMITA’  questo DDL per il riconoscimento della LIS superando i “colori” di bandiera cioè le diverse ideologie politiche.
Doveva passare alla CAMERA PER IL VOTO DEFINITIVO ma li c’era qualche deputato fortemente ostile al riconoscimento della LIS sostenuto da qualche associazione oralista che ne ostacolava l’iter….e anche da qualcuno della dirigenza Ens. Poi il 14 APRILE 2011 (non 11/4 errore segno ndr) sono stata buttata fuori per “sfiducia”… A MAGGIO avevamo indetto un’altra manifestazione a sostegno del ddl LIS che sicuramente ricorderete per la grande forza rappresentativa e anche per aver vissuto le nostre grandi difficoltà interne…

Così il nuovo presidente Ens ha inviato ai membri di Commissione di Camera e Senato e alle sedi Ens d’Italia una lettera per annunciare che il DDL LIS n.4207 (sotto mia presidenza) era da buttare e che presto avrebbe presentato una sua proposta di legge che è quella che vediamo…

Ad ora ci sono circa 15/16 proposte/disegni presentati da senatori e deputati per il riconoscimento della LIS e LIS TATTILE (quest’ultima riguarda le persone sordo cieche).
Noto che in questa nuova proposta ci sono elementi sia POSITIVI sia NEGATIVI.
L’aspetto positivo  e nella sensibilità e attenzione politica alla LIS; l’aspetto negativo sta nella tempistica (come e quando mobilitarsi) e nei contenuti delle numerose proposte che mi lasciano dubbi per cui è necessario DISCUTERNE A FONDO.
FACCIO QUALCHE ESEMPIO:
1^ RICONOSCIMENTO DELLA LINGUA DEI SEGNI ITALIANA?   OK;
2^ RICONOSCIMENTO DELLA LINGUA ITALIANA DEI SEGNI TATTILE?    PERCHE’??? Ci sono studi/ricerche che provano sia una Lingua vera e propria? Mi piacerebbe saperlo..

Credo sia meglio concentrarsi sulla LIS proprio per darle il giusto riconoscimento di Lingua con pari dignità  autonomia e libera scelta.
La LIS TATTILE è un metodo che deve essere assolutamente sostenuto con adeguate risorse… non è LINGUA a tutti gli effetti.

Un terzo quesito riguarda la COPERTURA FINANZIARIA (ogni ddl o proposta deve averla) sembra che in qualche proposta sia prevista una copertura di 3 mld di euro… anche qui son molto basita…
Ma se il governo Renzi nei giorni scorsi a proposito della LEGGE DI STABILITA’ (che ha riscontrato forti resistenze dalla UE), ha inserito notevoli tagli alla disabilità in genere specialmente per l’ASSISTENZA/CURA dei GRAVISSIMI, del DOPO DI NOI e dei malati di SLA, dove troverebbe i soldi per la LIS?
Penso che sia possibile solo un miracolo.

2^ DOMANDA:
IL 20 novembre a Roma si fa la manifestazione per sostenere la LIS, cosa ne pensi e che visione complessiva hai?
È lecito chiedersi –dopo aver ragionato poc’anzi-  1°A COSA/ PER COSA DOBBIAMO FARE LA MANIFESTAZIONE? 2°QUALI SONO LE RAGIONI CONCRETE DELLA NS PROTESTA?
-Il governo ha approvato o respinto il riconoscimento della Lis? Le Commissioni (o una) hanno iniziato l’esame del testo e hanno respinto? Non c’è copertura finanziaria e hanno bocciato/respinto?
Vedete, SERVE UNA VALIDA RAGIONE che spieghi bene e chiaramente altrimenti non serve a nessuno.


3^ DOMANDA:
Su FB molti sordi sono allarmati e agitati sull’importanza primaria della LIS o LAVORO… Puoi spiegare questa “differenza prioritaria”?
Si, ho visto i video e letto commenti….  Che mi lasciano anche qui basita. Polemiche e litigiosità… no,no per favore non servono, rispondo con una semplice domanda: - È più importante l’UOVO o la GALLINA’?
Sono ENTRAMBI IMPORTANTI, senza la gallina non c’è l’uovo; chi fa l’uovo? La gallina, ovvio….

Questo esempio può dare l’idea sull’importanza della legge sul Lavoro che già abbiamo ma che si può modificare e/o integrare anche prevedendo nuovi oneri finanziari per assicurare più tutele ai sordi, possibile solo se c’è VOLONTA’ POLITICA.
La LIS ad oggi ha ZERO TUTELA GIURIDICA cioè nessun riconoscimento legislativo mentre c’è TUTELA per i numerosi SERVIZI AI SORDI (anche se non sempre godibili)
RIPETO: LA LIS ZERO! PERCHE’???

Ecco perché è utile mobilitarsi consapevoli delle ragioni che la sostengono!
Io non ci sarò per la semplice ragione che non ho chiari i contenuti illustrati sopra (anche se ce ne sono altri…)
Questo non significa che viene meno il MIO FORTE SOSTEGNO A FAVORE DEL RICONOSCIMENTO DELLA LIS che  riconfermo e sottoscrivo con profonda convinzione.

Riguardo infine il dubbio di alcuni sull’eventuale abolizione dell’Indennità di comunicazione una volta approvata la LIS, sono convinta che non la toccheranno e nel caso si palesi, dovrebbero toglierla a tutti i disabili che prendono l’Indennità di accompagno a vario titolo, ciechi compresi!

È comunque una questione secondaria rispetto alla necessità di tutelare la ns dignità di cittadini e libertà  di scelta della LIS, nonché la professionalità e la serietà e non la speculazione (sulla ns pelle) che solo una legge può garantire.

IL LAVORO E’ UN DIRITTO SANCITO DALLA NS COSTITUZIONE COME LO è LA LIBERA SCELTA DI RELAZIONARSI CON GLI ALTRI (SENZA DISTINZIONE DI LINGUA, RELIGIONE…)

Grazie a tutti, ciao.
Diana Vantini e Ida Collu (30 ottobre 2014)




PER SAPERE DI PIU'
Testo del Senato della Repubblica 16 marzo 2011
Convenzione Onu a favore delle persone con disabilità

Il video sulla storia sul riconoscimento Lis in due parti trasmesso il 9 novembre 2014


______________________________________________________________________________
«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
 «La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
 «Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini



Nessun commento:

Posta un commento