lunedì 17 novembre 2014

2014: Giornata internazionale della disabilità ONU

Giornata internazionale della disabilità 3 dicembre 2014:   più tecnologia al servizio dell’integrazione
Nuove tecnologie come  strumento per favorire l’inclusione sociale delle persone disabili, per fornire loro una migliore assistenza, per consentire che abbiano un lavoro e per far sì che – in occasione  di catastrofi, terremoti e gravi  emergenze – non siano vittime predestinate ma possano avere la possibilità di mettersi in  salvo e sopravvivere.
“Sviluppo  sostenibile: la promessa della tecnologia” è infatti il tema che le Nazioni Unite hanno scelto per la  prossima Giornata internazionale delle persone con disabilità che,  come consuetudine, si celebrerà il 3 dicembre.

Per l’edizione  2014 la decisione è caduta su un argomento che da sempre «ha  innalzato gli standard di vita delle persone in tutto il mondo, nonché il loro accesso a beni, servizi e informazioni. Non tutti, però, possono beneficiare dei progressi della tecnologia e non  tutti se la possono permettere»,  spiegano gli organizzatori.

La Giornata di quest’anno ha  dunque come scopo quello di evidenziare come la tecnologia, assistiva e non, possa essere strumento di integrazione,  «promuovere l’accessibilità e contribuire a realizzare la  partecipazione delle persone disabili nella società».

In particolare, l’Onu ha deciso di sottolineare tre diversi ambiti: 
- il primo richiama gli obiettivi  di sviluppo globali in campo ambientale, economico, sociale e sanitario, 
- il secondo riguarda la riduzione dei rischi in caso di  disastri e le risposte in situazione di emergenza, mentre 
- il terzo si  focalizza sull’accesso al mondo del lavoro. 
Numerose le iniziative  e le manifestazioni in programma  in diverse città italiane.

PER SAPERE DI PIU'

_____________________________________________________________________________
«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla) 
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it 
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini


Nessun commento:

Posta un commento