mercoledì 19 novembre 2014

Alejandro Planas Sauri sordo e martire della rivoluzione spagnola

Alessandro (il Sordo) nacque a Matarò (Barcellona) 31 ottobre 1878. Voleva consacrarsi a Dio nella vita religiosa. Tuttavia non poté divenire salesiano per un grave impedimento: era sordo e il "Sord", in catalano, diventò un nomignolo affettuoso con cui era conosciuto.


I Salesiani furono la sua famiglia, lavorò con loro come laico e si distinse per pietà e attaccamento alla congregazione. Passò quaranta anni nella casa di Sant Vicent dels Horts (Barcellona), dove era molto apprezzato e rispettato. Faceva il custode della casa di noviziato e il catechismo ai bambini. Abile scultore, possedeva una cultura e una vita religiosa molto profonde.

Pensò che rimanendo nel collegio, dopo l'espulsione dei ragazzi e dei salesiani, non gli sarebbe potuto capitare niente, ma la visita che gli fece Don Eliseo Garcia Garcia (1907-1936) fu il pretesto per eliminarlo. 

I miliziani li fermarono tutti e due e il loro passato da religiosi fu ragione sufficiente perché fossero fucilati, nel villaggio di Garraf nel territorio di Valencia. Era il 19 novembre 1936.

Don Eliseo Garcia Garcia e Alessandro Planas Sauri furono beatificati da San Giovanni Paolo II, l’11 marzo 2001.  
P. Vincenzo Di Blasio



PER SAPERE DI PIU'

«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla) 
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it 
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini

Nessun commento:

Posta un commento