mercoledì 8 maggio 2013

Il suono dei colori

Cantiere dell’arte all’Istituto dei Sordi di Torino
The sound of colours - Il suono dei colori
Giovedì 9 maggio dalle ore 10 alle ore 16
Progetto di Arte Partecipata  a cura del Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli – Museo d’Arte Contemporanea Istituto dei Sordi di Torino, Via S. Pancrazio, 63 – Pianezza

Secondo le ultime frontiere della ricerca delle neuroscienze e un recente studio dell’Università-IULM che attesta che “La cultura fa bene alla salute, previene malattie fisiche e mentali, accelera i tempi di guarigione”, ma soprattutto a fronte dei risultati raggiunti al Cantiere dell’arte dell’Ospedale S. Anna di Torino, anche l’Istituto dei Sordi ha proposto a Unimanagement e al Dipartimento Educazione Castello di Rivoli di avviarne uno nuovo, nella struttura che da oltre duecento anni è riferimento per l’educazione della popolazione sorda. Il Cantiere dell’arte, infatti, è un progetto nomade, che cresce grazie alla metodologia condivisa che ha prodotto effetti tangibili ed è replicabile in diversi contesti.

I diversi ambienti dell’Istituto, edificio essenziale e rigoroso, di matrice religiosa, cambieranno volto grazie ai wall painting del progetto a cura del Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli in collaborazione con manager, semiologi, linguisti e naturalmente persone sorde. Un progetto paradigmatico ed esportabile, anche attraverso il contributo di Artissima che ha donato le borse delle passate edizioni che saranno personalizzate nel laboratorio condotto dai sordi e diffuse nei 22 Paesi di origine dei partecipanti alla giornata.

La collaborazione segue le precedenti iniziative realizzate dai tre partner, come la creazione del Dizionario di Arte Contemporanea in Lingua dei Segni Italiana, edito da Allemandi, unico al mondo, che è stato presentato nei maggiori musei d’Italia e ha avuto una risonanza internazionale.



Esattamente un anno fa, veniva avviato il Cantiere dell’arte all’Ospedale Sant’Anna di Torino, grazie al Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli Museo di Arte Contemporanea in collaborazione con la Fondazione Medicina a Misura di Donna.

In una giornata, con le idee e i linguaggi delle arti, cento giovani manager di UniCredit, provenienti da 22 Paesi, divennero gli artefici di una trasformazione radicale di alcuni ambienti dell’ospedale, alla conclusione di un progetto di apprendimento organizzativo in Unimanagement, il centro internazionale di sviluppo della leadership del Gruppo, con sede a Torino.

In un anno, al primo giardino ne sono seguiti altri nove: un community work, un’esperienza di apprendimento organizzativo nella vita reale, al servizio della comunità per i giovani che ha avviato una trasformazione nella la vita di coloro che animano  l’ospedale –personale, pazienti-studenti- e che a loro volta si sono attivati per coltivare con l’energia del colore l’umanizzazione della cura. Oggi sette istituzioni culturali operano nell’Ospedale.

All’Istituto verranno donati dal Gruppo bancario due personal computer per i piccoli studenti.

Insieme, “tutto è possibile”.
Il community work, un progetto ideato da: Anna Simioni, Anna Pironti, Catterina Seia

Il Castello di Rivoli, dal 1984 primo Museo d’Arte Contemporanea in Italia è fin dall’apertura è uno dei protagonisti della scena internazionale, grazie all’assoluta particolarità degli spazi, alla collezione, alla qualità dell’attività espositiva e di quella educativa. In una posizione dominante all’imbocco della Valle di Susa, il Castello è costituito da un imponente edificio barocco incompiuto, avviato nel 1718 dall’architetto Juvarra su incarico di Vittorio Amedeo II di Savoia. Dal 1997 è Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Il Dipartimento Educazione diffonde la conoscenza dell'arte e della cultura contemporanea all’interno e all’esterno del Museo con una programmazione  rivolta al mondo della scuola, alle istituzioni impegnate nel campo dell'educazione, della promozione culturale, alle famiglie e al pubblico in genere. L'impianto metodologico è riconducibile al principio ispiratore Educare all'arte con l'arte, per rendere lo spettatore protagonista: l'incontro con l'arte, dentro e fuori dal Museo, si traduce in esperienza di vita. Le innumerevoli attività, in sintonia con standard nazionali e internazionali, sono aderenti ai principi del Lifelong learning, della Peer Education e dell'accessibilità totale per i diversamente abili. Grazie alla sua attività sperimentale e di ricerca, ha ottenuto riconoscimenti e premi, nazionali e internazionali.

UniManagement è il centro di UniCredit dedicato allo sviluppo della leadership dei manager del Gruppo, dai più giovani ai top executive.
UniManagement, attraverso un approccio multiculturale e interdisciplinare che contempla anche il ricorso alle idee e ai linguaggi delle arti, promuove l’innovazione di pensiero e di azione. Attraverso  processi di apprendimento in team, sviluppa la propensione a collaborare e costruisce , una cultura d'impresa originale e condivisa all'interno di un gruppo presente in 22 paesi.
UniManagement opera in tutto il mondo. La sua sede è a Torino, in Via XX Settembre 29, con una grande agorà realizzata dall’architetto statunitense Matt Taylor, specializzato in luoghi di apprendimento.

L’Istituto dei Sordi di Torino, fondazione senza scopo di lucro, è una delle più antiche e vitali istituzioni italiane dedicate alla persone sorde. Si occupa di educazione, assistenza e riabilitazione dei sordi lungo tutto il ciclo di vita ed è inoltre attivo nella formazione di insegnanti ed operatori socio-sanitari. L’Istituto si pone inoltre come centro di risorse per l’integrazione sociale delle persone sorde e per fare questo opera in un fitto sistema di rete e di relazioni con i più svariati soggetti istituzionali, pubblici e privati: un impegno a 360 gradi per costruire con le persone sorde percorsi di crescita culturale e di emancipazione sociale. Si ringrazia Tecnelit per la collaborazione.

PER SAPERE DI PIU'

Press info Dipartimento Educazione Castello di Rivoli 011-9565213, b.manzardo@castellodirivoli.org

_________________________________________________________________________________

«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it.
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini

Nessun commento:

Posta un commento