mercoledì 19 dicembre 2012

L’incredibile storia degli angeli sordi della polizia

Così vigilanti non udenti aiutano le forze dell'ordine in Messico
Oaxaca, in Messico, probabilmente non è il centro a più alta densità criminale del pur problematico stato centroamericano: ma proprio in questa città turistica a sud della repubblica federale le forze dell’ordine stanno sperimentando un interessante modello di pubblica sicurezza, che conta moltissimo sull’aiuto di agenti di polizia non udenti.

VERAMENTE UTILI - Nella sala controllo delle telecamere a circuito chiuso gli agenti sordi sono molto più efficaci e utili di agenti normodotati. Hanno, come è noto, i sensi visivi ben più sensibili e non hanno l’impedimento di poter essere distratti dai suoni di un’affollata stazione di polizia. Sono concentrati sulle immagini, riescono a leggere le labbra e sono immediatamente operativi: Gerardo, 32 anni, è uno dei 20 agenti sordi di cui ci parla il New York Times. Ha scovato un uomo che si aggirava sospettoso, lo ha notato camminare in maniera inconsueta, si è girato, ha parlato con il suo interprete del linguaggio dei segni e ha attivato il dispositivo di sicurezza: catturato, l’uomo si è rivelato “un sospettato chiave in un omicidio”.
ANGELI - Insomma, è uno splendido esempio del modo in cui le persone con disabilità possono essere utili non in maniera cosmetica, ma in maniera vera, reale, tagliata sulle loro competenze e capacità: “Sono i nostri angeli silenziosi”, dice  Ignacio Villalobos, sottosegretario per la sicurezza pubblica nello stato di Oaxaca. Il progetto sta aiutando dei disabili a trovare un impiego vero e utile, in un paese dove la disabilità non ha quasi nessuna speranza di inclusione e tassi di disoccupazione molto poco incoraggianti. Gli agenti sordi hanno evitato che la polizia si attivasse per quella che, dalle telecamere, sembrava una rissa, e invece era solo un gioco per bambini; un’altro agente ha beccato una coppia “che apriva quel che sembravano essere birre in un’auto parcheggiata a lato della strada” – non si può bere in pubblico, in Messico. “Siamo i loro occhi”, dicono gli agenti, con orgoglio.
Foto: New York Times. Fonte: giornalettismo.com
_________________________________________________________________________________
«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it.
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini

Nessun commento:

Posta un commento