mercoledì 19 dicembre 2012

Legge 104/92: 328 mila usufruitori ...

Legge 104, nel 2011 ne hanno beneficiato 328 mila lavoratori nel settore privato
I dati del Rapporto coesione sociale, redatto da Inps, Istat e ministero del Lavoro. Per quanto riguarda le maternità, i lavoratori dipendenti che ne hanno usufruito sono circa 380 mila. Circa 296 mila, invece, i lavoratori dipendenti che hanno usufruito di congedi parentali
ROMA - Nel 2011 sono 328 mila i beneficiari di prestazioni (permessi) per lavoratori disabili o per l'assistenza di persone disabili nel settore privato. È questo il quadro sui permessi L. 104/1992, il prolungamento dei congedi parentali e i congedi straordinari fornito dal Rapporto sulla Coesione sociale frutto della collaborazione tra Inps, Istat e Ministero del lavoro e delle politiche sociali e presentato ieri pomeriggio a Roma. Secondo il rapporto, il 78% dei beneficiari usufruisce di permessi per familiari, il 12% di permessi personali e il restante 10% del prolungamento del congedo parentale o del congedo straordinario.
Per quanto riguarda le maternità, invece, nel 2011 i lavoratori dipendenti che ne hanno usufruito sono circa 380 mila. "Fra le neo-mamme - spiega il rapporto -, il 91% ha un contratto a tempo indeterminato e vive al Nord nel 57% dei casi, il 9% a tempo determinato di cui il 50% concentrato nel Sud e Isole".

Circa 296mila, invece, i lavoratori dipendenti che hanno usufruito di congedi parentali. Di questi, il 93,6% ha un contratto a tempo indeterminato, di cui il 65% al Nord. Fra i lavoratori che hanno goduto dei congedi parentali pur non avendo il posto fisso (6,4%), quasi i tre quarti (74%) sono concentrati al Sud e nelle Isole, mentre ancora poco usati restano i congedi parentali dai padri, utilizzati appena l'11% dei lavoratori dipendenti.

Sono oltre 16 milioni, inoltre, i permessi di malattia trasmessi nel 2011: 11 milioni e 714 mila quelli per il settore privato e 4 milioni 705 mila per la pubblica amministrazione. La Lombardia è al primo posto per numero di permessi nel settore privato, mentre Lazio e Sicilia sono in vetta per la pubblica amministrazione. "La durata media di malattia è pari a 9 giorni per evento nel settore privato e a 7 giorni nella pubblica amministrazione - spiega il rapporto -.

Nel Nord-Ovest si registra il numero più alto di eventi e giornate di malattia per il settore privato, mentre per quello pubblico il valore più alto si riscontra nel Sud. Tra i due comparti diversa è anche la distribuzione per genere con il 57% dei maschi nel settore privato contro il 31% nella pubblica amministrazione".

Fonte: Inail 
_________________________________________________________________________________
«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it.
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini

Nessun commento:

Posta un commento