giovedì 14 maggio 2015

Il metodo CABSS primo in Italia per la sordità infantile

Grazie ad un programma di intervento precoce per bambini sordi e sordociechi è possibile aiutare i piccoli che hanno questa particolare condizione. CABSS è un metodo innovativo che coinvolge anche i genitori

 
Il Centro Assistenza per Bambini Sordi e Sordociechi Onlus (CABSS) offre una possibile risposta alla sordità infantile che colpisce migliaia di neonati ogni anno, e lo fa grazie a un sistema innovativo che cerca di aiutare il bambino a superare le difficoltà legate al suo stato. Il CABBS è l’evoluzione creata da Roberto Wirth Fund Onlus, organizzazione fondata nel 2004 da Roberto Wirth. La dottoressa Stefania Fadda è la direttrice e supporta i bambini sordi e sordociechi e le loro famiglie.
 
CABSS è il primo che in Italia offre programmi di intervento precoce ai bambini sordi e sordociechi da 0 a 6 anni, programmi che vengono realizzati in un laboratorio multisensoriale, sicuro e adattabile alle esigenze di ogni bambino. Il Centro accoglie anche i genitori per dare loro supporto nella crescita dei figli e per insegnare i metodi e le tecniche che permettono di relazionarsi con i bambini.
 
Inoltre, il centro è in contatto con le scuole attraverso  la supervisione dei programmi dedicati a questi bambini e collabora anche con medici, educatori, terapeuti, familiari. I programmi del metodo CABSS si basano su un metodo ispirato al modello dell’Intervention Canadese, per i bambini sordociechi, e allo Ski – Hi Curriculum Statunitense, per i bambini sordi.
 
CABSS coinvolge e integra perfettamente i genitori nei programmi di intervento precoce pensati per i loro figli e anche loro ricevono un supporto psicologico che li aiuta a comprendere i figli. Nel laboratorio multisensoriale sono presenti strumenti e materiali specializzati e innovativi, adatti per la stimolazione visiva, uditiva, tattile e olfattiva, per la motricità, per facilitare l’interazione con l’ambiente e con gli altri e strumenti, per favorire lo sviluppo delle percezioni  sul piano affettivo e sociale.
 
Per quanto riguarda invece i bambini nati sordi, o divenuti tali da piccoli, se il problema non viene trattato in età precoce i piccoli possono avere anche ritardi cognitivi emotivi o anche comunicativi e linguistici.
M.R. Fonte: news.fidelityhouse.eu

 
PER SAPERE DI PIU'
Sito ufficiale CABSS

Leggi l'articolo di Paolo Conti, dedicato al Presidente Roberto Wirth, fondatore CABSS, (tratto da Sette, il Magazine del Corriere della Sera, 08/05/2015)



«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini

Nessun commento:

Posta un commento