sabato 25 giugno 2016

Zaccaria e la storia dei sordi.

"Zaccaria è un personaggio dei Vangeli, padre di Giovanni Battista. La Chiesa cattolica lo venera come santo celebrandone la memoria il 23 settembre insieme a sant'Elisabetta." 
E l'angelo gli disse: Ecco, sarai muto, non potrai parlare fino al giorno in cui ... E l' angelo: Lo Spirito Santo scenderà su di te, e la potenza dell'Altissimo su te ...
Quasi le stesse le parole a Zaccaria e a Maria, non medesima l'incredulità. 4. 4.
E' assai importante in verità, e non solo per le madri, che Maria sia stata vergine e l'altra una donna sterile; l'una dallo Spirito Santo resa Genitrice del Figlio di Dio Signore nostro e l'altra, da suo marito senescente, del precursore del Signore. E fate attenzione a quel che segue. Zaccaria restò incredulo; perché non credette? Chiese all'angelo una prova per la quale accertarsi di ciò che prometteva, essendo egli vecchio e sua moglie avanti negli anni. E l'angelo gli disse: Ecco, sarai muto, non potrai parlare fino al giorno in cui queste cose avverranno, perché non hai creduto alle mie parole, le quali si adempiranno a suo tempo (Lc 1, 20). Proprio lo stesso angelo si reca da Maria, annunzia che il Cristo nascerà da lei secondo la carne e Maria dice qualcosa di simile. Infatti, Zaccaria aveva detto: Da che posso conoscere questo? In realtà io sono vecchio e mia moglie avanzata negli anni (Lc 1, 18) E gli risponde: Ecco, sarai muto: e non potrai parlare fino al giorno in cui queste cose si avvereranno perché non hai creduto alle mie parole. E ricevette la pena del mutismo a causa della diffidenza. Che aveva detto il profeta di Giovanni? La voce che grida nel deserto (Is 40, 3). E' muto Zaccaria che sarà padre della voce. Rimase muto perché non credette, a ragione fu muto fino alla nascita della voce. Se infatti fu giustamente detto, anzi, proprio perché nel Salmo fu detto con piena verità: Ho creduto, perciò ho parlato (Sal 115, 10), per il fatto che non credeva, a ragione non parlava. Ma ti prego, Signore, sto picchiando insieme a coloro che mi ascoltano, aprici, rendici chiaro il senso di tale questione. Zaccaria chiede all'angelo le condizioni per riconoscere quel che gli viene annunziato, essendo vecchio e sua moglie avanzata negli anni. Gli si dice: Perché non hai creduto, sarai muto (Lc 1, 20). Cristo è annunziato alla vergine Maria, che a sua volta s'informa della condizione e dice all'angelo: Come avverrà questo? Poiché non conosco uomo (Lc 1, 34). E Zaccaria: Da che posso conoscere questo? In realtà, io sono vecchio e mia moglie avanzata negli anni (Lc 1, 18). E Maria: Come avverrà questo? Poiché non conosco uomo. A quello dice: Sarai muto perché non credi: a lei, invece, spiega la condizione, non le si impone il silenzio. Come avverrà questo? Poiché non conosco uomo. E l'angelo: Lo Spirito Santo scenderà su di te, e la potenza dell'Altissimo su te stenderà la sua ombra (Lc 1, 35). Ecco il modo in cui avverrà e che vuoi sapere, ecco come tu che non conosci uomo sarai anche madre, ecco come: perché lo Spirito Santo scenderà su di te e su di te stenderà la sua ombra la potenza dell'Altissimo. Non puoi temere l'ardore della libidine all'ombra di così eccelsa santità. Perché questo? Se teniamo conto delle parole, o entrambi credettero o entrambi dubitarono, Zaccaria e Maria. Mentre noi siamo capaci solo di ascoltare le parole, Dio può rivolgersi ai cuori.
Segnalato da P. Vincenzo Di Blasio

PER SAPERE DI PIU'



«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla) 
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it 
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini

Nessun commento:

Posta un commento