sabato 25 giugno 2016

La testimonianza di padre Cyril, sordocieco

Alla messa conclusiva del Giubileo dei disabili e dei malati, concelebra mattina del 12 giugno 2016 in piazza San Pietro con Papa Francesco anche padre Cyril Axelrod, redentorista sordo-cieco conosciuto in tutto il mondo per il suo impegno a favore dei disabili.
“Per fare catechesi puoi usare i movimenti, le emozioni, le espressioni del viso, il linguaggio del corpo, il tatto. Sono diversi i metodi che aiutano le persone cieche, sorde, sordo-cieche e i disabili mentali gravi ad aprire il cuore a Cristo così che Lui possa entrare nelle loro vite”, spiega padre Axelrod, chiamato a tenere una catechesi nella prima delle tre giornate del Giubileo dei disabili e degli ammalati che domenica culminerà con la messa celebrata da papa Francesco.


“Volto sorridente, barba e capelli candidi, talare nera e Crocifisso di legno al collo, il religioso – scrive Stefania Careddu su Avvenire – comunica usando la lingua dei segni tattile, mentre due interpreti traducono in inglese e in italiano e altri nella lingua dei segni internazionale e in quella italiana. “La mia vocazione – confida- è aiutare tutti a vedere quanto è potente il Signore nelle nostre vite”. “La catechesi non è solo parole, parole, parole. Bisogna capire quali sono le possibilità che il disabile ha di comprendere e quale è il modo migliore per aiutare tutti, anche i bambini, a ricevere Gesù, a sperimentare la sua gioia”, ribadisce padre Axelrod che ha sempre accanto a sé qualcuno che trasforma le frasi in segni fatti sul palmo della mano.

“La lingua dei segni, la lingua dei segni tattile, il braille sono doni dello Spirito e io sono stato chiamato da Dio a dare la buona notizia a tutte le persone, ai poveri, per rendere liberi i prigionieri, ridare la vista ai ciechi e l’udito ai sordi”, racconta il redentorista che è il simbolo vivente dell’handicap vissuto come dono, opportunità. Nella sua esistenza le barriere non sono mai mancate: nasce completamente sordo, settantaquattro anni fa a Cape Town, figlio unico di genitori ebrei ortodossi e subito si scontra con la realtà di scuole che possono accoglierlo. Vuole diventare un rabbino, ma poi si converte e viene ordinato sacerdote cattolico. Nel suo Sudafrica, negli anni dell’apertheid, lotta a Soweto contro la segregazione razziale che non risparmiava neppure le persone sorde, poi parte missionario per l’estremo Oriente: Singapore, Macao, Hong Kong dove avvia iniziative importanti per i disabili. Nel 2000, la sindrome di Usher gli toglie in modo definitivo la vista. Si trasferisce a Londra e lì porta avanti il servizio pastorale per i sordo-ciechi, oltre a girare per il mondo per evangelizzare chi, come lui, vive un isolamento quasi assoluto. Per dire che con Gesù niente è impossibile.
Fonte: Farodiroma.it

PER SAPERE DI PIU'
Papa Francesco e il giubileo delle persone con disabilità
Cyril Axelrod - 5° sacerdote sordo del mondo
Lingua dei segni tattile 



«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini

Nessun commento:

Posta un commento