venerdì 18 dicembre 2015

Il bike sordo Luca Salvatore Scavo nella storia dei sordi

Un giovane siciliano di 28 anni, Luca Salvatore Scavo ha percorso più di 8 mila chilometri in giro per l’Europa a bordo della sua bicicletta. Luca è sordomuto e tra oggi e domani (14 e 15 dicembre, n.d.r.) è di passaggio a Ferrara, dove l’associazione Culturale per l’Integrazione dei Sordi gli ha dedicato una festa speciale.
Un computer, una tenda, una bici e una telecamera per filmare gli oltre 8 mila e 100 chilometri di viaggio in Europa, che verranno raccontati in un video.

Sì perché Luca Salvatore Scavo, sordo, è partito a marzo dalla sua Sicilia per raggiungere gli angoli più lontani del Vecchio Continente. Ora sta tornando a casa, sarà in Sicilia a gennaio, ma la sua esperienza speciale ha voluto raccontarla agli amici dell’Acis, l’Associazione Culturale per l’Integrazione dei Sordi di Ferrara, che lunedì e martedì lo hanno accolto per festeggiarlo. 100 i chilometri in media al giorno che Luca percorre da mesi, tempo in cui ha conosciuto tante culture diverse.

Le comunità di sordo muti si tengono in contatto, in tutta Italia e in tutta Europa, soprattutto con Facebook, e proprio Acis Ferrara ha contattato Luca via social network, e il nostro viaggiatore in questi mesi di viaggio è stato ospitato da sordomuti e persone con cui comunicava scrivendo su un foglio. L’associazione organizza molti eventi ed iniziative, momenti di integrazione tra udenti e sordi.
Fonte: telestense.it



Il ciclista sordo che ha girato l’Europa. Racconta a Bologna la sua avventura Salvatore Luca Scavo, 28enne siciliano, si è fermato in città e al bar Senza Nome ha descritto il viaggio

BOLOGNA - Nove mesi sui pedali. «Non ho incontrato grandi difficoltà, magari mi sono perso, ma tutte le persone che ho incontrato mi hanno capito» racconta Salvatore Luca Scavo, 28 anni usando la lingua italiana dei segni. Dopo esser partito dalla sua Catania, Luca è arrivato a Roma in nave e da qui ha raggiunto Genova. Poi è stata la volta della Francia. Tutto rigorosamente in bicicletta. Ma quegli 8000 chilometri percorsi in tutta Europa non gli hanno permesso di superare solo confini geografici. Luca ha infranto anche un record: è il primo sordo italiano ad aver affrontato un’avventura tanto impegnativa.

L’IMPRESA - Quattro giorni fa l’arrivo sulla sua mountain-bike a Bologna, dove trascorrerà il Natale con la sorella: al bar Senza Nome di via Belvedere, gestito da ragazzi sordi, ha raccontato la sua avventura. Tappa dopo tappa, le ruote di Luca hanno conosciuto le strade dei pellegrini della Spagna del nord e, passando dal Portogallo ha raggiunto le scivolose strade innevate dell’Austria e della Norvegia. Poi ancora a sud verso la Croazia e da lì il rientro in Italia.

IL VIAGGIO - L’avventura che gli è rimasta più impressa? Quella vissuta in Francia, quando ha dovuto attraversare un fiume profondo portando a mano la bici da 70 chili e percorrere altri 3 chilometri lungo il corso del fiume sempre con la bici in spalla. È un ragazzo forzuto Luca. E forte d’animo. Quando tre anni fa ha perso il lavoro da operaio in Sicilia ha deciso di progettare la sua traversata. Ma non finisce qui: sta progettando già la prossima avventura. «Mi sono fermato per questioni economiche ma sto cercando degli sponsor per il prossimo viaggio». Obiettivo finale l’Asia, precisamente la Thailandia. Ma gli piacerebbe macinare chilometri anche in Romania e Turchia. «Il viaggio è rimandato per questioni legate alla guerra». Per adesso di certo c’è il rientro a Catania il prossimo 2 gennaio rigorosamente in sella alla sua bici.
Fonte: corrieredibologna.corriere.it

PER SAPERE DI PIU'






«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla) 
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it 
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini

Nessun commento:

Posta un commento