martedì 1 dicembre 2015

Sordi che ballano a tempo di vibrazioni

Come sono nati i deaft rave, serate per non udenti, dove i dj possono davvero sfogarsi con musica Techno o House ad altissimo volume per fare vibrare la sala e vedere sordi che ballano a tempo di vibrazioni. Tutti sanno che la musica sparata nelle orecchie a tutto volume può recare danni all’udito.
Qualcuno però ha affrontato il problema dal verso opposto: se il volume è così alto che la musica può essere avvertita perfino fisicamente, perchè non fare ballare anche i non udenti? Nati nel 2003 al Rocket Club di Londra, queste feste aperte ai sordi che ballano contano oramai migliaia di partecipanti e si sono diffuse rapidamente in tutto il mondo.

Altra caratteristica fondamentale della musica di questi rave, oltre al volume, è l’intensità dei bassi. Persone con gradi diversi di sordità possono avvertire le sonorità dei brani sparati nelle serate in modo più o meno intenso, ma ciò che più importa è che tutti avvertano le vibrazioni martellanti provocate dal ritmo in tutto il corpo, in modo da potersi scatenare a tempo di musica per una intera notte.

Ovviamente i rave dei sordi, che nel frattempo sono diventate manifestazioni importanti che si svolgono in molte città del mondo, celebrando un modo di essere, di socializzare e fare cultura dei non udenti, hanno anche un ruolo importante nell’unire diverse comunità di persone a divertirsi. Tutti possono partecipare, anche persone non audiolese, con la raccomandazione di portare dei tappi per le orecchie.

D’altronde questo non è l’unico modo per avvicinare i sordi al ritmo. Ad esempio l’inglese Mark Smith, a cui all’età di 4 anni è stata diagnosticata una sordità totale, dopo avere studiato danza a livello di laurea e lavorato come coreografo negli ultimi 20 anni ha realizzato uno spettacolo di danza autobiografico per raccontare al pubblico la sua esperienza attraverso i Deaf Men Dancing, una ensemble di ballerini sordi professionisti.

Uno dei suoi scopi è anche insegnare le persone sorde a ballare. I suoi studenti cominciano mettendo le mano sugli altoparlanti per sentire le vibrazioni che si muovono attraverso il corpo e che poi sentono attraverso il pavimento in legno, ballando sempre a piedi nudi e dopo molto allenamento riescono a ballare perfettamente sincronizzati. Nei suoi spettacoli tutto il corpo ha un ruolo importante. Secondo Smith i ballerini sordi interpretano i movimenti anche in modo diverso, sono emotivamente più portati a comunicare piuttosto che a concentrarsi sul lato più tecnico, e insomma ad ascoltare e vivere la musica forse nel modo più autentico.
Fulvio Binetti. Fonte: bintmusic.it

PER SAPERE DI PIU'




«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini

Nessun commento:

Posta un commento