martedì 1 dicembre 2015

La sordita' e l'uso delle tecnologie assistive

Si é svolto a Bologna il 28 novembre, nel corso di una giornata promossa dall’Associazione ASI (Affrontiamo la Sordità Insieme) insieme allo IERFOP (Istituto Europeo di Ricerca Formazione e Orientamento Professionale), in collaborazione con le ditte di impianto cocleare e protesi acustiche. «Cercheremo – spiega il Presidente dell’ASI – di illustrare quegli ausili che possono aiutare in parte ad abbattere le barriere della comunicazione e a facilitare l’apprendimento del linguaggio».


«Riteniamo sia importante informare i genitori di bambini sordi, le persone sorde, gli operatori e tutta la cittadinanza dell’importanza di un uso tempestivo e corretto delle protesi. Infatti, un bambino piccolo con deficit uditivo, non correggibile in modo diverso, necessita obbligatoriamente di un supporto protesico per evitare un’alterazione nello sviluppo del linguaggio e per favorire una normale socializzazione. Un uso corretto degli ausili in età adulta, invece, può consentire una maggiore partecipazione alla vita sociale, maggiore autonomia relazionale e di raccolta di informazioni e dunque migliorare la qualità di vita di persone che possono così evitare il possibile isolamento, la solitudine e l’esclusione che la sordità rischia di comportare».

Così Domenico Pinto, presidente dell’Associazione ASI (Affrontiamo la Sordità Insieme), presenta la giornata intitolata Sordità: in-formare all’uso delle tecnologie assistive, organizzata per sabato 28 novembre a Bologna (Hotel Cosmopolitan, Via del Commercio Associato, 9, ore 10-17.30) dalla stessa ASI, insieme allo IERFOP (Istituto Europeo di Ricerca Formazione e Orientamento Professionale), in collaborazione con le ditte di impianto cocleare e con Amplifon per le protesi acustiche.

«Gli ausili acustici/accessori a supporto della sordità – aggiunge Pinto – sono importanti e in tal senso va ricordato che la tecnologia di cui ogni giorno disponiamo ha compiuto enormi progressi nel fornire compensazione di molti deficit uditivi e un aiuto concreto nel superamento delle cosiddette “barriere della comunicazione”. Non sempre è possibile, però, comunicare senza ostacoli, che possono presentarsi nella vita di ogni giorno. A Bologna, quindi, cercheremo, in collaborazione con i vari relatori, di illustrare quegli ausili che possono aiutare in parte ad abbattere le barriere della comunicazione e a facilitare l’apprendimento del linguaggio».

Rimandando i Lettori al programma completo dell’incontro, disponibile nel sito dell’ASI, segnaliamo qui i principali temi che vi verranno discussi, vale a dire il recupero uditivo, le protesi acustiche, l’impianto cocleare e il linguaggio; l’utilizzo degli ausili negli ambienti più difficili (scuole, ambienti rumorosi ecc.); gli ausili per la comunicazione al telefono (fisso e mobile); gli ausili per interfacciarsi a sorgenti audio esterne. Il tutto a fianco degli stand allestiti dalle ditte, per provare direttamente i vari accessori. (S.B.)
Fonte: superando.it

PER SAPERE DI PIU'


«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla) 
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it 
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini


Nessun commento:

Posta un commento