sabato 25 ottobre 2014

Beato Don Carlo Gnocchi nel ricordo della storia dei sordi.


Il beato Carlo Gnocchi è un’altra grande figura della santità e operosità milanese; fu chiamato l’apostolo dei mutilatini. Nacque da famiglia povera nelle vicinanze di Lodi nel 1902. Ordinato prete nel 1925 divenne cappellano militare per il fronte greco nel 1940¬ e poi in Russia nel 1942.

Al ritorno in Italia, cominciò a raccogliere gli orfani di guerra, i mutilatini e i disabili di ogni genere. Rapidamente i suoi collegi si moltiplicarono in tutta Italia. Nel 1953 l’istituzione di Don Gnocchi cambiò denominazione in ‘Fondazione Pro Juventute’ riconosciuta come Ente Morale.

Affetto da un male incurabile, don Carlo muorì nel 1956. Prima, tuttavia, la carità lo indusse a un ultimo gesto eroico. All’epoca in Italia i trapianti erano proibiti. Il sacerdote convinse un dottore a trapiantare le sue cornee a due ragazzi ciechi. Il 20 dicembre 2002 il Papa lo ha dichiarato venerabile. Il 25 ottobre 2009 è stato beatificato e la sua festa liturgica è stata fissata al 25 ottobre.

Oggi la Fondazione don Carlo Gnocchi Onlus gestisce centri in molte regioni d’Italia con accoglienza, assistenza ai minori con gravi disabilità neuropsicomotorie e sensoriali. Le prestazioni ambulatoriali trattano anche disturbi dell’apprendimento, ritardo/disturbi del linguaggio e sordità neurosensoriale.

Portale SIVA della Fondazione Don Gnocchi è il Portale Italiano di informazione, guida e orientamento sugli ausili tecnici per l'autonomia, la qualità di vita e la partecipazione delle persone con disabilità. Una panoramica completa, sistematica, aggiornata delle tecnologie al servizio di quanti desiderino approfondire il mondo degli ausili. Una newsletter mensile -Siva News- aggiorna sugli ausili per l’autonomia.
P. Vincenzo Di Blasio
 
PER SAPERE DI PIU'
 

 
______________________________________________________________________
«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini

Nessun commento:

Posta un commento