mercoledì 15 ottobre 2014

Parole per Tutti. Proposta di Legge regionale sul riconoscimento della Lingua dei Segni


Regione Lazio e X Municipio di Roma insieme per migliorare la qualità di vita delle persone sorde, Si è tenuta lo scorso 30 settembre alla Città dei Mestieri di Via del Sommergibile 11 ad Ostia, nell’iniziativa Parole per Tutti promossa dal X Municipio, la presentazione della proposta di legge regionale per la promozione del riconoscimento della Lingua dei Segni Italiana (Lis), per la piena accessibilità delle persone sorde alla vita collettiva e la disciplina dello screening neonatale.

 Per illustrare la mozione sono intervenuti Emanuela Droghei, assessore al Welfare e Salute del X Municipio ed Eugenio Patanè, consigliere regionale e presidente della V Commissione Cultura, diritto allo studio, Istruzione, Pari Opportunità, Politiche Giovanili, Spettacolo, Sport e Turismo della Regione Lazio. Patané, promotore della norma, ha spiegato come “l’esperienza personale e il desiderio di rendere effettivi i diritti sanciti dalla nostra Costituzione che per loro non sono tutti attuabili”, siano stati determinanti. La proposta di legge regionale è stata approvata dalla V Commissione della Regione Lazio lo scorso agosto ed è ora in attesa di passare al vaglio del Consiglio Regionale per l’approvazione definitiva. Il testo di riferimento su cui è stata redatta è la Convenzione O.N.U. sul diritto delle Persone con disabilità del 2006, recepita in Italia con un ritardo di tre anni.  “All’interno della convenzione – ha spiegato il consigliere – l’articolo 2 fa pieno riferimento alla lingua dei segni come vero e proprio linguaggio e l’articolo 21 obbliga gli Stati firmatari ad accettare e facilitare il ricorso della stessa da parte delle persone con questa disabilità, oltre che esercitare tutto ciò che è possibile per renderla utile alla comunicazione”. Lo strumento che ha reso possibile legiferare su questo tema?

L’articolo 117 della Costituzione sul federalismo delle Regioni. “In Italia è successo un fenomeno un po’ strano perché pensavamo si legiferasse una legge nazionale prima che la Regione – ha continuato Patanè – La normativa nazionale non c’è stata, abbiamo assistito a dispute di contrapposte fazioni di deputati e senatori anche di livello teorico e accademico. Se, cioè, la lingua dei segni fosse o no meritevole di riconoscimento. Nel frattempo molte regioni si sono mosse con disegni di legge a riconoscimento della Lis”. Quello targato Regione Lazio interverrà su alcuni punti fondamentali: il libero accesso alle informazioni e agli uffici pubblici; il diritto allo studio con l’introduzione di nuove tecnologie (smartphone e tablet); la promozione di eventi culturali accessibili e dei servizi di comunicazione; promuoverà le forme di collaborazione con tutte le associazioni; ricorrerà alla Lis nella prima infanzia; incentiverà la formazione di equipe di sostegno alle famiglie dei sordi.

Piena soddisfazione è arrivata dalla Droghei: “Si tratta di una mozione che scavalca un po’ la capacità che in questi anni hanno avuto i governi di rendersi utili all’accessibilità delle persone sorde alla vita collettiva  nel suo  complesso. Desidero fare un plauso perché in questo anno e mezzo di governo c’è stato un forte impegno da parte di Nicola Zingaretti e del consiglio tutto volto a colmare dei vuoti normativi che vanno poi a incidere sulla qualità della vita delle persone. Davvero riconosciamo da questo punto di vista lo straordinario lavoro che i consiglieri regionali stanno facendo e ci auguriamo di coglierne i frutti attraverso l’applicazione degli strumenti e grazie a delle risorse economiche che sono ineludibili per sviluppare i servizi”. Risorse che l’assessore al bilancio della Regione, Alessandra Sartore, ha stimato in mezzo milione di euro. 
Eleonora Caradonna. Fonte: euroroma.net
 
PER SAPERE DI PIU'
Costituzione Italiana
Convenzione ONU
___________________________________________________________________

«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini

Nessun commento:

Posta un commento