martedì 17 febbraio 2015

Televisore come strumento tecnologico a favore dei sordi

Televisore come sussidio tecnico ed informatico
Domanda. Le persone in possesso di un certificato di handicap grave (Legge 104/1992) possono davvero acquistare un televisore con l'IVA agevolata? E quali documenti devono presentare?


Risposta. In linea teorica il televisore potrebbe essere considerato un "sussidio tecnico o informatico" volto a facilitare l'accesso alla informazione e alla cultura da parte delle persone con disabilità.
Per ottenere l'IVA al 4% è però necessario che un medico specialista dell'ASL emetta una prescrizione autorizzativa che affermi, fra l'altro, che tale dispositivo è utile alla persona con handicap per fini di integrazione, riabilitazione, accesso alla cultura e che vi è un collegamento funzionale fra il televisore e la disabilità della persona stessa. Abbiamo qualche perplessità circa la possibilità di trovare un medico disponibile a sottoscrivere una prescrizione di questo tipo, a meno che non si tratti di un singolo e particolarissimo caso.
Fonte: handylex.org

Anche i sordi hanno diritto di usare l'agevolazione fiscale sull'acquisto del televisore come strumento tecnologico a favore dei sordi (per esempio teletext, sottotitoli, ecc.) dietro la presentazione del certificato di sordo civile (legge 381/70) qualora non fosse il possesso dell'attestato di handicap (Legge 104/92)

PER SAPERE DI PIU'
Sito handylex



«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini

Nessun commento:

Posta un commento