giovedì 4 dicembre 2014

Sordocecita': cambiare la legge per garantire i diritti

Per la Lega del Filo d'Oro la sordocecità "è una condizione specifica che richiede una modifica della legge attuale”. E mentre le liste di attesa si allungano, l'Associazione continua a lavorare per dare maggiori risposte e un futuro più dignitoso alle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali. Come fa esattamente da 50 anni.

Per i sordociechi e i pluriminorati psicosensoriali la vita è sempre in salita, ma ad affiancarli da 50 anni ci pensa la Lega del Filo d'Oro, l'Associazione che dal 1964 opera per dare loro un futuro più dignitoso e migliori opportunità di vita. "Ogni anno sono sempre di più le persone che richiedono assistenza alla Lega del Filo d’Oro - afferma Rossano Bartoli, Segretario Generale dell'Associazione - e le liste di attesa si allungano. Ogni giorno lavoriamo per sviluppare le attività dell’Ente affinché i nostri sordociechi e pluriminorati psicosensoriali possano vivere dignitosamente ed essere più autonomi. Un sordocieco, come ogni persona, può fare e può essere e da questo bisogna partire".

L'occasione per ribadire il diritto delle persone disabili alla propria tutela e alla propria integrazione viene dalla ricorrenza della Giornata Internazionale per i diritti delle persone con disabilità, prevista ogni anno il 3 dicembre. La Lega del Filo d'Oro, oltre ad essere impegnata nella salvaguardia dei diritti delle persone sordocieche, è stata parte attiva per il riconoscimento della sordocecità quale disabilità unica e specifica, così come previsto dal Parlamento Europeo sulla "Dichiarazione scritta sui diritti delle persone sordocieche" del 12 aprile 2004. Tale impegno ha favorito l'approvazione della legge 24/06/2010 n.107 "Misure per il riconoscimento dei diritti alle persone sordocieche”. 

"Questa legge - dichiara Francesco Mercurio, Presidente del Comitato delle Persone Sordocieche della Lega del Filo d’ Oro - ha costituito un traguardo molto importante, ma tuttavia permane qualche lacuna. Ci riconoscono i diritti che sono già riconosciuti alle persone sorde e/o cieche, pur sapendo che la sordocecità è una condizione specifica. In questo ambito la Lega del Filo d’Oro sta lavorando per ottenere una modifica della legge e la sua applicazione". 

La Lega del Filo d’Oro è oggi presente in 7 regioni italiane con 5 Centri Residenziali – Osimo, Sede Nazionale dell’Ente, Lesmo (MB), Modena, Molfetta (BA) e Termini Imerese (PA) – e 2 Sedi Territoriali, a Roma e Napoli. Con oltre 500 dipendenti, 600 volontari e 500.000 sostenitori attivi è punto di riferimento in Italia per la tematica della sordocecità. Per conoscere tutte le attività e i progetti: www.legadelfilodoro.it 
Gabriella Meroni. Fonte: Vita.it



PER SAPERE DI PIU'
Sabina Santilli Fondatrice Lega Filo d'Oro

«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla) 
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it 
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini

Nessun commento:

Posta un commento