lunedì 23 giugno 2014

Jodi Cutler, Affrontiamo la Sordità Insieme: i genitori di pazienti ai congressi


È quello che potremmo definire un modello della migliore relazione medico/paziente: l’esperienza di vita di Jodi Cutler a servizio delle famiglie per informare sull’impianto cocleare e sull’ipoacusia.

 
Capita assai spesso, frequentando i congressi scientifici, di incontrare fra il pubblico dell’uditorio, ma anche sui palchi degli autori di presentazioni, all’esposizione tecnica degli ultimi ritrovati tecnologici e in ogni contesto possa tornare utile per arricchire un bagaglio formativo, una bella ragazza bionda dal sorriso contagioso e dall’accento americano che non manca di farsi apprezzare per la sua vivace e attenta partecipazione.
 
È Jodi Cutler, fondatrice e animatrice del forum di genitori “Affrontiamo la Sordità Insieme”: il motivo di tanta competenza e tanto interesse è stato, in origine, suo figlio Jordan, a cui alla nascita venne diagnosticata una perdita uditiva e che, in seguito, ricevette un impianto cocleare. Oggi è un giovane diciottenne, autonomo e studioso come i suoi migliori coetanei, ma da allora la sua mamma è cresciuta con lui nella conoscenza e nella consapevolezza di quanto sia importante un programma diffuso di screening audiologico nei reparti di maternità, al fine di una diagnosi precoce e di una riabilitazione tempestiva, all’occorrenza.

Il lavoro di Jodi, davvero ineguagliabile e prezioso, alterna le occasioni di raccolta di informazioni tecnico-scientifiche e medico-specialistiche, che riguardano la sordità in tutte le sue declinazioni, a momenti di condivisione e confronto con molti genitori e familiari di pazienti ipoacusici, che si trovano ad affrontare la sua stessa esperienza di vita ma magari non hanno le stesse possibilità di accedere all’attualità più recente. E non soltanto: studi pubblicati hanno dimostrato che, in particolare per un ambito così particolare com’è la riabilitazione uditiva, il supporto e l’osservazione diretta di chi vive a contatto con persone affette da sordità e sottoposte a trattamento terapeutico è di fondamentale importanza anche per il personale clinico che, in tal modo, riesce a completare il proprio intervento e la propria valutazione grazie alle informazioni che riceve dalle famiglie stesse.

Un bell’esempio di condivisione reciproca, per un’efficace e vincente lotta alla disabilità.
 
Claudia Patrone. Fonte: audiologY-infos.it
 
 
 
PER SAPERE DI PIU'
_____________________________________________________________________________
«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini

Nessun commento:

Posta un commento