giovedì 1 maggio 2014

Malattie genetiche: scoperta un'altra, è legata a sistema nervoso


Washington, 26 apr. - Identificata una nuova malattia genetica associata alla degenerazione del sistema nervoso centrale e periferico umano da un team di ricercatori del Baylor College of Medicine e della University of California.
Lo studio e' stato pubblicato sulla rivista 'Cell'. Eseguendo il sequenziamento del dna di piu' di quattromila famiglie affette da problemi neurologici, gli scienziati hanno scoperto che esiste una patologia mai descritta caratterizzata dalla riduzione delle dimensioni del cervello e da deficit sensoriali e motori.

La causa e' una mutazione in un gene chiamato CLP1, noto per regolare il metabolismo del tRNA (rna di trasporto) nelle cellule. "Cio' che abbiamo trovato particolarmente sorprendente e' che non si tratta di una condizione che saremmo stati in grado di identificare basandoci esclusivamente sui sintomi e sulle caratteristiche cliniche del paziente" ha spiegato Joseph G. Gleeson, tra gli autori della ricerca. "Soltanto quando abbiamo rilevato il gene in sette famiglie siamo stati in grado di definire la malattia". Tra i sintomi della patologia, che costituisce una nuova forma di ipoplasia ponto-cerebellare, sono emersi malformazioni cerebrali, ritardo mentale, convulsioni, difetti sensoriali e motori. (AGI).
 
PER SAPERE DI PIU'
___________________________________________________________________________
 
«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini

Nessun commento:

Posta un commento