sabato 17 maggio 2014

La ricerca nel mio mondo silenzio

Nelle migliori librerie d'Italia approda il nuovo volume scritto dall'autrice sorda Rita Bosco avente per il titolo "La ricerca nel mio mondo silenzio". Questo libro è una raccolta di esperienze di vita vissuta che l’autrice narra entrando sempre più a fondo nell’handicap sensoriale della sordità profonda.
Sin dalla nascita l’autrice avverte un senso di estraneità verso il mondo che scoprirà essere causato dalla sua sorda.

Quest’opera è parte del viaggio che Rita compie per cercare di trovare un posto nella società, degli ostacoli che dovrà superare per essere accettata dagli udenti ma anche dai sordi, delle lotte per essere capita.
 
Lei troverà sfogo dei suoi sentimenti e dei suoi pensieri nella poesia. Poesie che tratteranno di argomenti diversi in base alle vicissitudini che segnano la sua vita nel momento in cui essa compone.

Si leggeranno storie di abbandono, isolamento e paura ma anche di speranza per una vita migliore.
 
L'autrice, Rita Bosco, nel tempo libero ama fare accurate ricerche sulla sordità. Fa parte di un'associazione di volontariato che si occupa delle persone sorde. Le piace scrivere e fare passeggiate.
 
NELLE MIGLIORI LIBRERIE
 
AUTRICE: Rita Bosco
TITOLO: La ricerca nel mio mondo del silenzio
Collana «Gli Emersi» Aletti Editore - Guidonia (Roma), 2014, pp.100
 
PER SAPERE DI PIU'
 
______________________________________________________________________________
«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini

Nessun commento:

Posta un commento