domenica 1 settembre 2013

Santuario della Madonna di Fraine (Chieti) e la piccola sordomuta

Risale al 1056 la fondazione del monastero benedettino di Santa Maria Mater Domini, sul sito di una chiesa più antica. Smarrita la memoria storica dell'origine benedettine della chiesa, col tempo si é imposta una tradizione orale analoga a quella di Santa Maria del Monte di Castiglione Messer Marino (Chieti) che vuole l'apparizione della Madonna ad una pastorella sordomuta dalla nascita la quale miracolosamente viene guarita.
Il Santuario, immerso nel silenzio di un bosco di antiche querce, costituisce oggi il centro della fede mariana ed é meta di pellegrinaggio.

Un blocco di pietra, conservato nei pressi della chiesa, porta incisa l'iscrizione "PSB", acronimo di "Principi di San Buono" a testimonianza di come nel XVI secolo il monastero entrò a far parte dei possedimenti della famiglia Caracciolo.
Il muretto del Santuario: l'acronimo PSB (Principi di San Buono)

Oggi dopo un intervento mirato di recupero é stata riportata in vita l'antica struttura romanica dell'XI secolo, con il tetto in legno a capriate, le pareti, il pavimento, l'altare, tutti in pietra originaria locale, illuminati all'interno da una coppia di monofore e un rosone centrale che lascia accarezzare dal sole l'elegante statua lignea trecentesca della Madonna col Bambino.

PER SAPERE DI PIU'
___________________________________________________________________________
«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla) 
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it. 
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini

Nessun commento:

Posta un commento