giovedì 16 febbraio 2017

Rosantide, un libro dedicato ai non udenti

Marina Pratici torna nuovamente sulla cresta dell'onda con una nuova opera di beneficenza che questa volta va incontro ai sordomuti (sordi, n.d.r.).
'Rosantide' è il libro di poesie edito da Edizioni Helicon che raccoglie le opere più belle scritte e pubblicate dall'autrice lunigianese in questi ultimi sette anni.
L'opera che ha visto il suo esordio a Nizza il 5 e 6 febbraio e che a breve verrà riproposta a Vienna, sarà presentata il 19 febbraio presso il Mondadori Store di Massa dal consigliere regionale Giacomo Bugliani.


Un riassunto delle emozioni e delle parole più sentite che Marina Pratici ha provato e scritto come conseguenza delle sue esperienze di vita o della vicinanza a fatti accaduti nel corso della storia o, ancora, ai propri amici e parenti che l'hanno, in qualche modo, toccata nel suo nobile animo.

Nobile perché questa scrittrice aullese ha all'attivo diverse pubblicazioni di cui gli incassi sono sempre stati devoluti per altrettante nobili cause.

E questa volta tocca al mondo dei non udenti che, in Italia come a Malta, non vedono ancora riconosciuta la Lis, la loro lingua fondamentale per comunicare, e che conseguentemente non trova spazio nella nostra società, scuole comprese.

Una barriera altissima tra noi e le persone che, meno fortunate, non hanno la possibilità di articolare le parole nel modo convenzionale ma che, proprio come noi, hanno tante cose da dire e da comunicare.

"I diritti d'autore - ha commentato Marina Pratici - saranno devoluti alle associazioni di Lis del territorio. Sarebbe così facile per un bambino apprendere un linguaggio così armonioso da sembrare un gioco. La conoscenza della Lingua dei Segni, facilmente apprendibile da tutti, non annullerebbe certo il problema del deficit uditivo e della consequenziale difficoltà di parlare ma di certo permetterebbe la comunicazione in altra dimensione. E dovrebbe essere un diritto/dovere per tutti!"
Fonte: quinewsmassacarrara.it

PER SAPERE DI PIU'



«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla) 
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it 
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini


Nessun commento:

Posta un commento