lunedì 6 febbraio 2017

Sant'Alfonso Maria Fusco e la storia dei sordi

Sant’Alfonso Maria Fusco (1839 - 1910) sacerdote: dedito al ministero tra i contadini, provvide alla formazione dei giovani, specialmente poveri e orfani, e fondò la Congregazione delle Suore di San Giovanni Battista. San Giovanni Paolo II lo ha proclamato beato nel 2001e Papa Francesco lo ha canonizzato il 16 ottobre 2016.

Oggi le Suore “Battistine” operano in diverse parti del mondo diffondendo il messaggio d’amore e di promozione umana. Si dedicano prevalentemente alle opere educative; prestano servizio nella pastorale parrocchiale; danno assistenza agli anziani, agli ammalati; e ai non vedenti. si prendono cura degli orfani, dei ciechi, dei sordi, dei bambini handicappati e di quelli siero positivi.
P. Vincenzo Di Blasio 


ARTICOLO CORRELATO 

FUSCO ALFONSO MARIA (BEATO),
Sacerdote: dedito al ministero tra i contadini, provvide sempre alla formazione dei giovani, specialmente poveri e orfani, e fondò la Congregazione delle Suore di San Giovanni Battista. Il 7 ottobre 2001 il Beato Giovanni Paolo II proclamandolo beato lo offre come esempio ai sacerdoti e lo indica a tutti come educatore e protettore specialmente dei poveri e dei bisognosi. Oggi le Suore di San Giovanni Battista (Battistine) operano in diverse parti del mondo: Italia, Polonia, Moldova, USA, Canada, Brasile, Cile, Argentina, Messico, Zambia, Malavi, Sud Africa, India, Filippine, Corea del Sud e Madagascar . Ovunque diffondono il messaggio d’amore e di promozione umana sulle orme del Beato Alfonso Maria Fusco. Si dedicano prevalentemente alle opere educative (l’insegnamento nelle scuole private e pubbliche); prestano servizio nella pastorale parrocchiale; danno assistenza agli anziani, agli ammalati e ai non vedenti. Nei paesi in via di sviluppo si prendono cura degli orfani, dei sordomuti, dei bambini handicappati e di quelli siero positivi … 
(P. Vincenzo Di Blasio, 2013)    


PER SAPERE DI PIU'



«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla) 
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it 
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini




Nessun commento:

Posta un commento