venerdì 8 marzo 2013

Sordità nel bambino

Sordità nel bambino, le cure. l 90-95% dei casi la sordità infantile insorge già nel grembo materno o al momento della nascita, è cioè congenita; la cause sono in genere ereditarie, infettive, tossiche o traumatiche ed ogni anno in Italia circa 2000 bambini nascono affetti da sordità, o ipoacusia, grave. Purtroppo però solo nella metà dei casi la diagnosi avviene entro il primo anno di vita e questo ha gravi ripercussioni sullo sviluppo linguistico e cognitivo del bambino anche nei casi in cui il deficit uditivo è di grado medio o lieve.

L’udito infatti è il canale principale non solo per la comprensione ma anche per lo sviluppo del linguaggio e se non si interviene tempestivamente il bambino privo di questi fondamentali strumenti potrà andare incontro ad uno scarso rendimento scolastico e a disagi di natura pischica legati alla scarsa stima di sè, solo per citare alcune delle problematiche legate alla sordità infantile.

Da qui la necessità di una diagnosi precoce, che sia cioè effettuata entro i sei-otto mesi di vita, e di interventi terapeutici tempestivi. Dopo aver confermato al presenza e il grado di ipoacusia e aver individuato la sede della lesione i primi interventi consistono nel mettere il bambino nelle condizioni di poter sentire i suoni provenienti dall’ambiente.

Fatte le opportune valutazioni, si può ricorrere alle protesi acustiche di nuova generazione o all’impianto cocleare, un organo di senso artificiale che però è indicato solo in alcuni casi, ad esempio quando il piccolo è affetto da sordità profonda o totale e la sordità non si accompagna ad altri deficit, ad esempio cognitivi.

In ogni caso la rieducazione, il programma riabilitativo, in caso di impianto cocleare vede il coinvolgimento di tutta la famiglia che diventa parte attiva del programma di recupero. Quando invece il piccolo è affetto da sordità monolaterale, cioè non sente da un solo orecchio, in genere non si ricorre all a protesi ma il piccolo viene sottoposto a controlli periodici.

In molti ospedali viene ormai efftuuato di routine lo screening uditivo neonatale ma se il bambino non vi è stato sottoposto è opportuno fare attenzione ad alcuni segnali. Verso i tre mesi, ad esempio, se richiamato dalla madre dovrebbe girarsi, mentre verso i sei mesi un forte rumore dovrebbe distrarlo dall’attività che sta compiendo in quel momento.

PER SAPERE DI PIU'


«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it.
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini



Nessun commento:

Posta un commento