venerdì 30 ottobre 2015

Un sordo nel "Grande Fratello" 14^ edizione. Beppe Tuccillo nella storia dei sordi

GF14: crescono gli ascolti ed esce Peppe, il fotografo sordo. Peppe, il primo concorrente eliminato dal 'Grande Fratello 14'. Record d’ascolti, ieri (8 settembre, n.d.r.), per 'Grande Fratello 14' che, alla terza puntata, con 3.700.000 spettatori e il 19,73% di share, ha registrato il miglior dato di questa edizione crescendo rispetto alle scorse settimane.
La puntata di ieri, ricca di colpi di scena e con l’eliminazione del primo concorrente, Peppe, il 41enne fotografo napoletano che ha perso l’udito all’età di due anni, ha ottenuto un risultato ancora migliore tra il pubblico dei giovanissimi 15-19enni, dove la share ha raggiunto il 37,5% di share, e ha messo a segno altri due record: sui social, con oltre 78.000 tweet nel corso della diretta (l’hashtag ufficiale #GF14 ha occupato il primo posto nei TT Italia e ha conquistato il terzo posto nei TT mondiali e molti altri hashtag legati al programma, dal nome della conduttrice a quelli di alcuni concorrenti, sono entrati in trend topic) e sul web, dove, nel corso di questa settimana, sono stati visti oltre 7.300.000 di video (+40% rispetto alla precedente edizione) e 18.500.000 di pagine visualizzate sul sito ufficiale  (+26%).

Nella puntata di ieri hanno tenuto banco il triangolo tra Lidia-Alessandro-Federica, con il ragazzo che ha deciso di trascorrere del tempo nel Garage con la sua ex, Lidia, lo svelamento dei segreti della coppia transgender, Arianna e Marco, che, non essendo stati smascherati dagli altri concorrenti, sono riusciti a portare a casa 30.000 euro, detratti del montepremi di GF, e, soprattutto, l’incontro emozionante tra Peppe e il papà, Enrico che, entrato nella Casa durante un Freeze, ha espresso parole d’amore per il figlio e si è detto fiero di lui. I due hanno emozionato il pubblico in studio e a casa e la stessa Marcuzzi, che, in diretta, non è riuscita a trattenere le lacrime. Peppe, però, ha perso la sfida al televoto contro Kevin, il modello padovano, e ha dovuto abbandonare la Casa, diventando il primo eliminato di questa quattordicesima edizione del reality.

Entrato in coppia con il fratello Luigi (Peppe è il quarto di nove fratelli, Luigi il sesto), Peppe, che ha perso l’udito a due anni in seguito a un’influenza, prima di entrare nella Casa aveva detto: “amo le sfide. Ed essere sordo è la sfida più grande. Non conosco i rumori, i suoni, le parole e la musica…ma conosco il silenzio… e lo amo”. Anche nella Casa di GF ha vissuto la sua sordità con molta disinvoltura pur ammettendo che per lui, in Casa, non è stato sempre facile: “cerco di stare sempre attento, ma appena mi distraggo un attimo perdo tutto il discorso, non posso più partecipare, anzi, faccio finta di ascoltare, rido, sorrido. E’ difficile parlare per me al Grande Fratello, davanti a tante persone”.

Peppe, laureato in architettura ma fotografo di moda ed eventi, nei giorni in Casa ha raccontato la sua storia agli altri ragazzi e in Confessionale ha spiegato: “Vedo altre persone che sentono ma hanno tanti problemi. Io sono felice. Ho combattuto e merito di esserlo”. Le gemelle lo hanno definito “speciale”, Verdiana ha sottolineato quanto sia incredibile l’empatia che riesce a stabilire con le altre persone, e Luigi, che un po’ temeva questa esperienza davanti alle telecamere, alla fine ha ammesso “ero un po’ preoccupato… invece, anche davanti alle telecamere, è Peppe”. Durante la prima settimana, Peppe aveva legato un po’ con tutti, ma soprattutto con Igor, Manfredi, e le gemelle, Lidia e Jessica. Dopo la nomination, però, sebbene i voti fossero indirizzati soprattutto al fratello Luigi - le coppie nominate sono state la “gialla” (Luigi e Peppe) e la “bianca” (Mary e Kevin) e, a “sacrificarsi” al televoto, sono stati proprio Peppe e Kevin -, Peppe si è sentito “tradito” e, insieme al fratello, si è un po’ isolato dal resto del gruppo. “Aspetto cosa decide il popolo – ha detto il fotografo napoletano, prima della puntata di stasera - Se preferisce Kevin sono contento per lui”. E così è stato.

PER SAPERE DI PIU'


«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla) 
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it 
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini



Nessun commento:

Posta un commento