giovedì 9 aprile 2015

Valle dei Templi, un percorso ideato per i non udenti

L’iniziativa prevede otto icone, per otto monumenti da approfondire attraverso la Lingua dei Segni Italiana (LIS). La Valle dei templi accessibile a tutti. Anche ai non udenti che attraverso un percorso di "Segni" possono osservare e conoscere ogni particolare del sito archeologico patrimonio Mondiale dell'umanità.



Nella Valle, nel giorno di Pasqua è stato attivato in via sperimentale un "progetto" che prevede otto icone, per otto monumenti da approfondire attraverso la Lingua dei Segni Italiana (LIS).

È questo il progetto ricerca - dal titolo "Parco in LIS" - promosso dalla Sezione Didattica del Parco archeologico e Paesaggistico della Valle dei Templi di Agrigento e presentato dal Direttore del Parco Architetto Parello, nell'edificio dell'ex Scuola rurale in Via Panoramica dei templi, attualmente, sede della mostra i cinque vasi di premio, il Salinas.

Nella saletta, appositamente predisposta, infatti, sono stati proiettati gli otto filmati commissionati dall'Ente Parco alla Coop. Sociale PASA e realizzati in Lingua Italiana dei Segni, con montaggio di immagini specifiche e particolari, con l'ausilio dell'interprete Antonella Capraro e del segnante sordo Salvatore Garofalo, in un montaggio particolare, mettono in risalto i contenuti della collina dei Templi e di tutti i monumenti che la caratterizzano.
Domenico Vecchio. Fonte: agrigento.gds.it



«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla) 
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it 
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini

Nessun commento:

Posta un commento