mercoledì 22 gennaio 2014

San Gaudenzio e il mondo dei sordi

San Gaudenzio (327 - 418), convertito al cristianesimo da Eusebio, primo vescovo del Piemonte, resse per 20 anni la diocesi di Novara dove a lui è dedicata la basilica con l’ardita cupola dell’Antonelli, prolungata in un pinnacolo fino a 121 metri d’altezza.

Ancora vivo si vocifera di miracoli da lui compiuti con la forza della preghiera come ai tempi degli Apostoli: “Dio parve ogni giorno essere magnificato per i prodigi che compiva per mezzo del suo santo: così che col passare del tempo rese la vista ai ciechi, l’udito ai sordi, la parola ai muti, agli zoppi il cammino”.

Dopo la sua morte: “i malati sperimentano quanto convenga onorare il servo di Dio, vedendo i ciechi ricuperare la vista, gli storpi la capacità di camminare, i sordi l’udito”.
Intanto, altri vescovi fanno cercare e copiare le sue prediche, per ripeterle nelle loro chiese. Anche da morto, Gaudenzio continua a parlare.

È considerato protettore dei sordi che, con il MAS di Novara, continuano ad onorarlo il 22 gennaio, abbinando spesso la sua festa a quella di S. Francesco di Sales.
P. Vincenzo Di Blasio  


PER SAPERE DI PIU'
Basilica di San Gaudenzio
San Gaudenzio (Biografia)
Sant'Eusebio, primo Vescovo di Piemonte

_______________________________________________
«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini

Nessun commento:

Posta un commento