martedì 2 aprile 2013

Santuari padovani. Itinerari fra tradizione, storia, arte e devozione

Immaginate di salire su un piccolo velivolo, in uno di quei storici biposto che ancora si vedono volteggiare di tanto in tanto sopra le nostre teste, e di planare sopra a strade, argini, piazze, case e di toccare con la punta delle dita i campanili, ma solo quelli, dei santuari che costellano il territorio padovano. Vi accorgerete come sono tutti diversi, più o meno grandi, belli e svettanti, e quanti, ben diciotto, siano i luoghi di culto nati dalla fede e dalla devozione popolare che richiamano ancor oggi pellegrini da ogni dove, rendendo unica per storia, arte e tradizione, la terra che abitiamo.

Ma poi i piedi e le gambe sono d’obbligo per entrare dentro a questi gioielli d’arte e di tradizione e girarne i dintorni alla scoperta delle meraviglie che nascondono.

Ecco, dunque, che il libro “Santuari padovani” scritto a quattro mani dai giornalisti Emanuele Cenghiaro e Piero Cioffredi è proprio come una sorta di agile velivolo che regala al lettore una panoramica accurata su questi diciotto santuari, svelandone le bellezze architettoniche e artistiche, fornendo brevi cenni storici e suggerendo spunti turistici che possono ispirare lo stesso cittadino padovano a una visita inaspettata in posti e zone che magari ha sempre attraversato senza particolare interesse e attenzione.

L’idea di una pubblicazione che fosse un’accurata descrizione di luoghi che grazie alla devozione che li contraddistingue, perlopiù a Maria e a sant’Antonio, è nata ai due autori durante la stesura dei venti fascicoli “Le vie della Grazia” della diocesi di Padova pubblicati tra l’autunno del 2010 e la primavera del 2011 e usciti in allegato al settimanale diocesano “La Difesa del popolo”.

Dai viaggi di Cenghiaro e Cioffredi in giro per la diocesi, spesso con l’occhio vergine del neofita, nasce, dunque, questo pregevole lavoro edito da Tracciati e riccamente illustrato, che intende essere il primo volume della nuova collana “I santuari” che ha come apprezzabile obiettivo realizzare in futuro per ogni provincia veneta una pubblicazione simile che valorizzi il territorio locale e diffonda la conoscenza dei tesori religiosi, artistici e storici che lo rendono unico.

L’opera non poteva, comunque, non partire da Antonio, il santo che nei secoli ha portato il nome di Padova nel mondo e che ancor oggi, ogni anno, richiama milioni di fedeli da ogni dove: si parte dalla maestosa basilica nel cuore della città per spostarsi al santuario antoniano all’Arcella, dove la tradizione vuole sia morto il santo di Lisbona, per poi concludere l’itinerario sulle tracce del piccolo francescano nemico degli usurai a Camposampiero, ai santuari della Visione e del Noce.

Nel capitolo successivo il viaggio ritorna nel capoluogo a svelare la basilica di Santa Maria del Carmine, Santa Maria Addolorata al Torresino e il convento d'origine cinque nel quartiere di Santa Croce che custodisce le spoglie di San Leopoldo Mandic. Si passa poi sui colli Euganei alla volta dei santuari della Beata Vergine della Salute a Monteortone, di Maria Vergine Assunta sul monte della Madonna e delle sette chiese giubilari di Monselice. E ancora, nella Saccisica e nel Conselvano con Santa Maria delle Grazie a Piove di Sacco, al Cristo di Arzerello e alla Maria Vergine della Misericordia a Terrassa Padovana, nell’Estense con la basilica di Santa Maria delle Grazie di Este e la Madonna del Tresto di Ospedaletto e, infine, nell’Alta Padovana, con la Madonna di Tessara a Curtarolo, la Beata Vergine delle Grazie a Villafranca e Santa Maria del Carmine a Cittadella.

L’auspicio, pertanto, che merita la guida è che venga usurata nel tempo dal suo lettore. Che sia piena di “orecchie” alle pagine, di segnalibri e anche di piccole annotazioni a mano e di sottolineature. Significherà che avrà assolto al proprio compito: diventare viatico per lo spirito, indirizzando la mente e il corpo a visitare e a sostare in questi luoghi che hanno accompagnato e fatto crescere la fede nei secoli per poi ripartire con l’anima rigenerata dalla preghiera aiutata dalla bellezza dell’arte e della storia.
Tatiana Mario

E. Cenghiaro, P. Cioffredi. Santuari padovani. Itinerari fra tradizione, storia, arte e devozione. Tracciati editore, Padova, 2012. Pagg. 180. Euro 19. ISBN: 978-88-903229-8-3

INFO:
Tracciati editore, tel. 049-603899; info@tracciati.eu; www.tracciati.eu
In vendita a prezzo speciale anche su www.amazon.it

_________________________________________________________________________________
«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it.
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini

Nessun commento:

Posta un commento