giovedì 31 agosto 2017

La modella Carola Insolera: «La sordità è il mio superpotere»


La modella Carola Insolera: «La sordità è il mio superpotere»


Racconta il suo rapporto con la moda: «Non aggrega, né esclude: è solo business». Il denaro?


Fino all’età di otto anni, la modella norvegese Carola Insolera credeva che la Terra fosse popolata da sordi. Mamma, papà, fratelli, zii: tutti intorno a lei si esprimevano con il linguaggio dei segni, stimolando in quella bambina vispa e solare una grande capacità di comunicazione visiva che negli anni diventerà il suo «super potere nel mondo degli udenti». Oggi che è una professionista affermata nel settore della moda, Carola — 25 anni, legata a un regista italo-argentino di cui ha preso il cognome e con cui ha una figlia — non ha dubbi: «Quando mi chiedono cosa ho di speciale, rispondo che è proprio la mia sordità — confessa in uno showroom di Milano mentre posa per un servizio fotografico con Stefano Guindani —. Mi costringe a cercare con le persone una connessione visuale ed emotiva che le altre modelle non hanno. Devo entrare in contatto con il fotografo e capire cosa vuole da me senza l’aiuto delle parole ma solo attraverso il suo sguardo e la mia energia».

Fatti e reazioni
A lungo, ammette Carola, è rimasta perplessa davanti alle foto «senza anima» sulle riviste patinate, con posizioni artefatte di mani e piedi e sguardi spenti. «Mi sono confrontata con il mio compagno Emilio per capire se fosse una percezione solo mia, e invece ho scoperto che anche lui prova lo stesso. Abbiamo realizzato che questa iper-capacità visiva, che ci permette di notare cose ignorate da altri, dipende proprio dalla nostra sordità». Tutti, assicurano le persone vicine a Carola Insolera, rimangono colpiti dalla disinvoltura con cui la giovane modella domina gli ambienti dove sfila o posa. «Cerco sempre di non considerare i commenti altrui, positivi o negativi non importa, e di concentrarmi sul mio lavoro», illustra la modella prima di regalare una massima ai lettori del Corriere: «La vita per me è fatta per il dieci per cento da quello che ti succede, e per il novanta per cento da come reagisci a quello che succede».

Sul trapezio
La sicurezza del proprio corpo, l’agio nei movimenti e la determinazione all’empatia non provengono solo dalla mancanza di udito: prima di sfilare sulle passerelle e nei set fotografici di tutto il mondo, Carola ha lavorato in un circo come trapezista e contorsionista. Racconta che il suo incontro con il fashion system è avvenuto proprio grazie a quella esperienza. Nel 2011 è stata invitata a tenere uno spettacolo insieme alla sua compagnia durante la settimana della moda di Copenaghen: qui, solo per questa breve parentesi di inizio carriera, la sua storia diventa uguale a quella di tante modelle in giro per il mondo che vengono notate da abili talent scout e avviate alla professione. Non ci sono pregiudizi nei suoi confronti, ma neanche trattamenti speciali: «Non direi che il mondo della moda è inclusivo — spiega —. Non aggrega e non esclude: è solo una questione di affari».

Tra i clic
Di certo, se c’è una cosa che Carola ha capito nei suoi primi sei anni di attività è che il denaro appartiene al mondo degli udenti. «L’universo dei sordi è molto ricco e complesso, abbiamo lingue dei segni diversi a seconda dei Paesi, però senza dubbio gli affari si fanno con l’udito». Il suo compito dunque è quello di unire i due mondi, o come direbbe lei di «accorciare le distanze». Anche per questo si rifiuta di usare interpreti quando lavora: «È molto importante per me avere un rapporto diretto con il fotografo». Non risparmia iperboli Carola. Non lo fa quando si definisce una «modella post-moderna» o quando sintetizza con telepatia la sua relazione lavorativa con i fotografi di moda. Certo, a volte capita che qualcuno si spaventi quando scopre le caratteristiche di Carola, ma tutti, o quasi, «decidono di mettersi alla prova e di concedersi un tentativo». Dopo l’iniziale paura, finisce sempre nello stesso modo: i fotografi e gli stilisti si innamorano di Carola e le chiedono di lavorare ancora insieme. È successo con Karl Lagerfeld e Giorgio Armani — che appaiono sorridenti nelle foto con Carola presenti sul web — e con Stefano Guindani, che ha firmato anche la campagna di Bagutta con Insolera protagonista. Il motivo? «Semplice: le immagini non hanno voce».
Serena Danna, Fonte: corriere.it

PER SAPERE DI PIU'



«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla) 
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it 
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini


Nessun commento:

Posta un commento