sabato 10 agosto 2013

Lingua dei segni durante la messa? «Lo chiederemo a Papa Francesco»

Sant'ANNA D'ALFAEDO. L'«esperimento» di Telepace, a Cerna, ha attirato molti non udenti. Boaretti: «E allo Stato la richiesta è riconoscere per legge la Lis, come accade già all'estero».
La lingua dei segni per superare le barriere della comunicazione e permettere ai sordi di partecipare alla vita lavorativa, ricreativa, sociale. E anche alla messa e ai momenti religiosi, a costo di andare a chiederlo al Papa in persona.
Centinaia di persone non udenti di Verona e da tutto il Veneto hanno raggiunto Cerna, nelle scorse settimane, e affollato il Santuario Maria Stella dell'Evangelizzazione, nella sede di Telepace, per partecipare a una messa speciale e un pomeriggio d'incontro e sensibilizzazione sulla Lis, la lingua dei segni, che permette anche a chi non sente di capire, pregare, sentirsi comunità.

La cerimonia, trasmessa da Telepace, è stata celebrata da monsignor Roberto Vesentini, vicario diocesano per la Pastorale della Salute, e dal fondatore e direttore della tv cattolica don Guido Todeschini. Padre Vincenzo Di Blasio, della Fondazione Gualandi di Bologna, ha concelebrato usando i segni che sostituiscono le parole e possono essere compresi dai sordi.

In prima linea anche l'interprete Lis Rosaria Zampieri. La messa, inoltre, è stata accompagnata dall'originale coro «Mani di luce»: cinque persone sorde di Treviso, tra cui due bambini, che cantano senza usare i suoni, ma con le mani e le espressioni del volto. Ora un nutrito gruppo di sordi, loro rappresentanti e interpreti, chiederà di incontrare Papa Francesco in Vaticano. 

La proposta l'hanno rilanciata a Cerna il presidente della Sezione Provinciale Ens veronese, Tino Boaretti, insieme ad altri membri del Consiglio provinciale, la fondatrice del movimento territoriale «Siamo Gente Comune» Rosi Mauro, ex leghista e fino al 13 marzo vicepresidente del Senato, e le sue collaboratrici locali, Maria Rosa Cereghini e Martina Chesini. «Per la prima volta a Verona e provincia», afferma Cereghini, «una messa è stata celebrata in modo da essere compresa dai sordi. 

La commozione era palpabile e vedere la felicità di queste persone ripaga del lavoro fatto e da fare. Dà la forza di continuare con tenacia per aiutarli. E, se serve, andremo a Roma». Spiega Boaretti: «Desideriamo conoscere di persona il Papa e soprattutto manifestargli come, da fedeli, siamo vicini alla Chiesa ma ci sentiamo trascurati per la mancanza di interpreti nelle messe». La richiesta, però, è ben più ampia e riguarda il riconoscimento della lingua dei segni per legge dallo stato italiano. continua il presidente scaligero dell'Ens, «come già accade nei Paesi esteri, dove la Lis è già stata riconosciuta». Come dire, Papa Francesco pensaci tu. 
C.M. - Fonte: l'arena.it
________________________________________________________________________________
«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla) 
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it. 
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini

Nessun commento:

Posta un commento