martedì 16 febbraio 2016

Problemi di udito possono portare alla demenza

Scienziati trovano una correlazione tra i problemi di udito e il declino cognitivo. Un trattamento precoce dell’ipoacusia potrebbe prevenire la demenza. Attenzione ai problemi di udito perché, secondo gli scienziati, potrebbero portare a declino cognitivo più rapido e precoce. I problemi all’udito, come l’ipoacusia, non solo possono di per sé essere causa di un peggioramento della qualità della vita ma, secondo un nuovo studio, potrebbero anche portare a un precoce declino cognitivo, o demenza.


Sono i ricercatori della Johns Hopkins University ad aver condotto uno studio su 1.984 soggetti anziani, che sono stati seguiti per 6 anni. I risultati, pubblicati sulla rivista JAMA Internal Medicine, mostrano che vi è un collegamento tra la sordità o la perdita di udito e il restringimento del cervello, che causerebbe la demenza.

Un prima ipotesi è che l’ipoacusia possa causare isolamento sociale, a causa della difficoltà di comunicare che, a sua volta, favorirebbe il declino cognitivo.

I partecipanti, al basale (ossia all’inizio dello studio) sono stati sottoposti a test di abilità mentale e analisi per valutare lo stato dell’udito. Durante i 6 anni di studio, periodicamente, i partecipanti hanno continuato a sottoporsi a visite e test per valutare l’udito e la salute mentale. Come previsto, con il passare degli anni per molti dei partecipanti si è verificato un peggioramento nei test cognitivi, tuttavia per i pazienti che soffrivano di ipoacusia si è mostrato un peggioramento più rapido del 40%.

Sebbene il meccanismo che favorisce la demenza nelle persone con perdita dell’udito non sia chiaro, secondo il dottor Frank Lin – che ha coordinato lo studio – l’isolamento sociale può essere una delle cause del maggiore declino cognitivo, per via della mancata interazione con gli altri e anche la riduzione delle conversazioni cui si va incontro.

In sostanza, curare l’udito può non solo migliorare le interazioni sociali, ma può anche proteggere da un declino cognitivo precoce e più rapido.
Fonte: lastampa.it



Il Consensus Paper "Sentire bene per allenare la mente" mette in luce la relazione tra ipoacusia e demenza. Oltre 7 milioni di italiani e 590 milioni di persone nel mondo convivono con un deficit dell'udito e vanno incontro a un rischio maggiore di sviluppare forme di demenza. Messo in luce dagli esperti il "paradosso della longevità": ipoacusia e demenza si moltiplicheranno nei prossimi 30 anni e nel 2050 rischieremo di arrivare tutti a 100 anni, ma senza accorgercene.

PER SAPERE DI PIU'



«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla) 
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it 
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini


Nessun commento:

Posta un commento