domenica 15 marzo 2015

Don Giulio Tarra e il suo metodo orale nella pedagogia speciale.

È uscita la pregevole pubblicazione della ricercatrice dott.ssa Anna Debè dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano dal titolo “Fatti per arte parlanti – Don Giulio Tarra (1832-1889) e l’educazione dei sordi nella seconda metà dell’Ottocento”, primo Rettore subito dopo la costituzione del Pio Istituto dei Sordi e che dedicò tutta la propria vita al medesimo Istituto ed all’istruzione dei bambini che non sentono, divenendo esponente di spicco in questa disciplina a livello internazionale.


L’autrice: Anna Debè ha conseguito il Dottorato di ricerca in Pedagogia  (Education) presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Nei suoi studi si è occupata di storia della pedagogia, con un’attenzione specifica alla storia dell’educazione speciale. Nel 2013 ha pubblicato, con la casa editrice Pensa Multimedia, il volume Crescere in un Villaggio. L’OSEA di Reggio Emilia: genesi e sviluppo di un servizio scolastico (1951-2912).

Sinossi:
A 160 anni dalla fondazione del Pio Istituto Sordomuti poveri di campagna di Milano, il libro ricostruisce la vita e le opere del suo primo direttore, il sacerdote Giulio Tarra (1832-1889). Educatore, maestro e letterato, egli dedicò la sua esistenza ai sordi, curando la formazione dei  bambini e dei ragazzi accolti presso il Pio Istituto. Alla guida di questo Ente dall’ordinazione sacerdotale (1855) fino alla morte, Tarra profuse energie per promuovere una solida maturazione personale, culturale e sociale degli allievi.

 Il suo contributo, inoltre, si estese anche al di fuori del Pio Istituto: egli fu protagonista, difatti, del dibattito scientifico internazionale sui metodi d’istruzione dei sordi, difendendo strenuamente il sistema orale, che considerava il più efficace canale di inclusione sociale del giovane non udente. Attraverso l’utilizzo di fonti sia edite sia archivistiche, il volume ripercorre il lavoro di don Tarra nella realtà del “sordo”, mettendo in particolar luce il suo apporto nel campo della pedagogica speciale italiana ed europea.

Edizione
Milano, 2015, pp.104, EDUCatt,  Euro 7.

Info:
Nelle migliori librerie oppure scrivere a:
email: librario.dsu@educatt.it



«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it

"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini

Nessun commento:

Posta un commento