lunedì 23 marzo 2015

Martina, la ballerina sorda che fa commuovere i giudici di Italia's Got Talent

Claudio Bisio, con gli occhi gonfi di lacrime, è inizialmente senza parole: "Non me ne frega niente che tu non senti, mi avresti fatto emozionare a prescindere". Capelli corti, occhi truccati, bella, determinata e con la danza nel cuore. Martina Giammarini, 20enne di Ladispoli, si è presentata sul palco di Italia’s Got Talent con una particolarità che ha lasciato i quattro giudici sorpresi: è una ballerina sorda.

La storia di Martina comincia da un silenzio sul palco, che inizialmente mette Luciana Littizzetto, Claudio Bisio, Frank Matano e Nina Zilla in leggero imbarazzo. È la comica torinese a esordire chiedendole se ci sia qualcosa che debbano sapere. Martina è sorda, ma col tempo ha accettato la sua diversità imparando a leggere i labiali delle persone e percependo solo alcune frequenze di suono. "Per me questo non è un problema, riesco a seguire comunque la mia passione, sono fidanzata e ho un lavoro," dice Martina emozionatissima sul palco del talent show.

Eppure, Martina balla con naturalezza. Con una grazia tale da commuovere tutti e quattro i giudici. Bisio, con gli occhi gonfi di lacrime, è inizialmente senza parole e le dice: "Non me ne frega niente che tu non senti, mi avresti fatto emozionare a prescindere da questa cosa: grazie". Nina Zilli: "Credo che tu abbia la forza d'animo di un esercito, non piangevo dal 1929″. E Matano chiude a modo suo: "Mannaggia a te Martina, mi hai fatto un poco emozionare".
Federico Nicci. Fonte ilgiornale.it



Per la guerriera Martina la musica è vibrazioni e rumori, come il battito del suo cuore. Ed è proprio al ritmo del suo cuore che ha danzato, incantando con la sua eccezionale bravura tutti i giudici, e suscitando un coro unanime di sì!

PER SAPERE DI PIU'
Italia's Got Talent



PER LA CURIOSITA' STORICA
Eugenio Scarlato  Artista rapper sordo

«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini

Nessun commento:

Posta un commento