sabato 20 gennaio 2018

È nato il Ministero Avventista in favore dei Sordi

Intervista al past. Andrei Cretu. Da ora in poi, se si entra in una chiesa cristiana avventista durante i servizi religiosi del sabato, sarà facile incontrare un gruppo di persone intente ad ascoltare il sermone tradotto nella lingua italiana dei segni (Lis). L’Unione italiana ha organizzato il servizio Ministero Avventista in favore dei Sordi, già attivo da alcune settimane, per accogliere con iniziative e risorse le persone che non odono e che spesso rimangono isolate dal resto del mondo, pur essendo dotate di notevoli talenti; e per sensibilizzare la comunità udente sulle loro necessità.


Per conoscere meglio questo ministero, Notizie Avventiste ha rivolto alcune domande al past. Andrei Cretu, responsabile del Mas e delle chiese cristiane avventiste nell’Italia del nord.

Notizie Avventiste: Che cos’è il Mas?
Andrei Cretu: Il Ministero Avventista in favore dei Sordi è soltanto un ramo di un ministero più ampio della Chiesa cristiana avventista a livello mondiale, chiamato “Special Needs Ministry” ("Ministero dei bisogni speciali”), un servizio a favore delle persone con abilità diverse, nel desiderio di creare consapevolezza e rendere accoglienti le nostre comunità, per offrire la formazione necessaria e rispondere al meglio a questa esigenza.

N. A.: Ci sono molte persone sorde nel nostro Paese? Come vivono la fede?
A. C.: In Italia, in questo momento, è difficile avere una cifra precisa sul numero dei sordi; da alcuni dati si potrebbero stimare intorno alle 61.000 persone, secondo il sito storiadeisordi.it. Di questi si stima che solo il 2-4% ha la possibilità di vivere e interagire con una comunità di fede, avendo come principale barriera proprio quella della lingua. A volte le persone sorde entrano nelle nostre comunità e non ci rendiamo neanche conto della loro presenza, oppure quando ce ne accorgiamo non sappiamo o non siamo in grado di costruire con loro un rapporto per rispondere alla loro esigenza di conoscere Dio.

N. A.: Quali sono i progetti in corso?
A. C.: Considerando l’importanza della lingua per comunicare, a partire da luglio 2017 abbiamo iniziato questo servizio con un percorso di formazione Lis, che si svolge a Milano, al quale partecipa un gruppo di ragazzi udenti provenienti dalle comunità lombarde e non solo. Inoltre, si lavora alla produzione di materiale o all’interpretazione di risorse già disponibili per renderle fruibili nella lingua dei segni; si offre la traduzione Lis durante eventi speciali, come per esempio i congressi o altro. Il nostro desiderio è che le comunità avventiste, oltre ad essere accoglienti, siano anche pronte a valorizzare i doni di tutti, quindi anche di quelli che parlano in Lis.

Hope Channel Italia trasmette ogni giorno una riflessione in Lis su un testo biblico.
Fonte: avventisti.it

PER SAPERE DI PIU'


«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla) 
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it 
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini



Nessun commento:

Posta un commento