mercoledì 16 aprile 2014

Santa Bernardette Soubirous e la storia dei sordi

(1844 – 1879). A lei, quattordicenne, povera e analfabeta, appare più volte la «Signora». Nell'apparizione del 25 marzo 1858, la Signora rivela il suo nome: «Io sono l'Immacolata Concezione». Quattro anni prima, Papa Pio IX aveva dichiarato il dogma dell'Immacolata Concezione di Maria.

Mentre il santuario della Madonna di Lourdes cominciava a richiamare folle di pellegrini, Bernadette Soubirous decide di rifugiarsi in convento. Ci rimarrà 13 anni. 
Costretta a letto da asma, tubercolosi, tumore osseo al ginocchio, Bernadette si spegne il 16 aprile 1879, mercoledì di Pasqua. Aveva appena 35 anni.

Santa Bernardette ebbe almeno due legami con i sordi: Ella dopo le apparizioni scelse di diventare religiosa presso le Suore di Nevers che hanno la scuola dei sordomuti a Bordeaux. Per questo, quando nel 1866, si mise in cammino per raggiungere il noviziato, passò proprio da Bordeaux e in una delle sue lettere ricorda l’impressione che lasciò in essa la visita all’istituto:“Si direbbe che è piuttosto un palazzo, che una casa religiosa”. 

Alla fine della sua vita Bernardette divenne sorda. E a comunicare con lei venne proprio una religiosa che aveva insegnato alle sordomute. Poco prima di morire Bernadette con un gesto espressivo, dunque con i segni, domandò da bere. Fu canonizzata nel 1933 e la sua festa si celebra il 16 aprile.

SOUBIROUS BERNARDETTA
Santa Bernardette Soubirous (1844 - 1879)  è la veggente di Lourdes. La Santa Vergine apparve alla piccola Bernardette nel 1858 e l’anno prossimo ci saranno a Lourdes grandi celebrazioni e non mancheranno schiere di persone sorde devote dell’Immacolata. 

Santa Bernardette ebbe almeno due legami con i sordi:  Ella dopo le apparizioni scelse di diventare religiosa presso le Suore di Nevers che hanno la scuola dei sordomuti a Bordeaux. 

Per questo, quando nel 1866, si mise in cammino per raggiungere il noviziato, passò proprio da Bordeaux e in una delle sue lettere ricorda l’impressione che lasciò in essa la visita all’istituto:“Si direbbe che è piuttosto un palazzo, che una casa religiosa”. Alla fine della sua vita Bernardette divenne sorda. E a comunicare con lei venne proprio una religiosa che aveva insegnato alle sordomute. Poco prima di morire Bernadette con un gesto espressivo, dunque con i segni, domandò da bere.  Fu canonizzata nel 1933.
P.Vincenzo Di Blasio


_________________________________________________
«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla) 
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it 
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini

Nessun commento:

Posta un commento