martedì 11 settembre 2018

Il ricordo dell'opera di Padre Torello

Oggi ricordiamo Padre TORELLO TAIUTI morto a Firenze l’11 settembre 1947, all’età di 74 anni e 56 di religione nella Piccola Missione per i Sordomuti.                                                     
Torello, di Pietro Taiuti e di Paolina Bonamici, era nato infatti il 25 febbraio 1873 a Calenzano (Firenze).
              

Franco Zatini nel sito “Storia dei sordi” lo ricorda come “Esemplare apostolo e maestro dei sordi. Direttore dell’Istituto Gualandi per sordomuti e sordomute di Firenze (1931/1937) e redattore della rivista “Pro-mutis” di Firenze. Grande oratore con finezza e vivacità, molto amato dal popolo del rione di Badia a Ripoli e di Gavinana”.       

“Servire Domino in laetitia” fu sempre, infatti, il suo motto e il suo programma, secondo lo spirito di san Filippo Neri, di cui era fervido ed entusiastico devoto.                                  

Nell’Istituto Gualandi di Firenze, per accogliere gli oltre centottanta allievi e allieve, ingrandì la casa, diede impulso alla tipografia, alla colonia agricola dei sordomuti, alle scuole dell’infanzia, delle elementari e delle arti e mestieri.                                                                   

Nel 1935 organizzò i festeggiamenti del cinquantesimo anniversario di fondazione dell’istituto fiorentino, alla cui commemorazione fu dedicato un numero speciale del Pro mutis, bollettino mensile dell’Istituto Gualandi per Sordomuti e Sordomute in Firenze (Anno VIII, maggio 1935).        

Le sue esequie solenni si svolsero nella chiesa parrocchiale di Badia a Ripoli, dove aveva prestato per circa 37 anni parte del suo ministero sacerdotale.                                             

Con la partecipazione dei Padri e dei chierici della Piccola Missione e le due comunità fiorentine al completo, erano presenti anche numerosi amici provenienti dalla sua parrocchia natale di Sommaia di Calenzano e dell’associazione del SS. Sacramento.                                            

Ora Padre Torello lo pensiamo nel regno della letizia e del sorriso eterno.                             
P. Vincenzo Di Blasio

PER SAPERE DI  PIU'
La vita di Padre Torello Taiuti



«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: storiadeisordi@gmail.com
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini

Nessun commento:

Posta un commento